Siamo qui per scegliere
 
VI A 1 – Falero l’Argonauta figlio di Alcone

VI A 1 – Falero l’Argonauta figlio di Alcone

Hits: 1

FALERO 
L’ARGONAUTA figlio di Alcone

Φαληρός:

  1. “bianco”, cfr. φαλός e/o “calvo”, significato che ben spiega i nomi propri (cfr. Chantraine, DELG, s. v . φαλός )[1]
  2. Lucente[2]
  3. Cresta dell’elmo, cimiero[3]
Raduno degli Argonauti

Falero è considerato l’unico figlio di Alcone e menzionato come uno degli Argonauti da Igino[4], Apollonio Rodio[5] e nelle Argonautiche[6]di Orfeo o Orfiche ma non da Apollodoro[7].

Arrivò dalle correnti dell’Asopo Falero, figlio di Alcone, che fondò la città di Girtone coronata dal mare[8]”.

Falero, figlio di Alcone da Atene[9]

A Pafo tien dietro il monte Acamante, e dopo questo monte navigando verso le parti orientali trovansi la città di Arsìnoe, e il bosco sacro a Giove. Seguita la città di Soli con un porto, un fiume ed un tempio di Venere: la fondarono Falero ed Acamante ateniesi e i suoi abitanti si chiamano Solii.[10]

Si narra che Falero da piccolo fosse stato salvato dal padre, Alcone, che con una freccia trafisse un serpente che voleva stritolarlo:

“Segui tu, Falero, che porti sulle armi scolpiti i tuoi casi. Infatti un serpente scivolato da un alto albero, quattro volte con le spire ardenti circonda te fanciullo. Lontano sta in ansia il padre che tende l’arco mal sicuro[11]

Antico arciere greco

Falero infine partì, nonostante fosse figlio unico, alla conquista del “vello d’oro” e combattè contro i Centauri al fianco di Teseo (anche lui di stirpe eretteide e futuro re di Atene) e Piritoo.

E venne anche dalla Cecropia il fortissimo Bute, figlio del prode Teleonte, e il valoroso Falero: questi lo mandò il padre, Alcone, e non aveva altri figli che gli portassero aiuto nella vecchiaia, ma lo mandò tuttavia, l’unico figlio diletto, perché acquistasse gloria, in mezzo agli eroi arditi. Ma Teseo, che era il più grande fra tutti i figli di Eretteo, una catena invisibile lo tratteneva sotto la terra del Tenaro, poiché aveva seguito per un’inutile strada Piritoo. Entrambi avrebbero reso più facile a tutti l’impresa[12].”

Teseo uccide il Minotauro

Falero fu sepolto o ebbe un’ara o monumento commemorativo proprio nel Falero:

“Vi sono inoltre le are degl’Iddìi Ignoti, degli Eroi, de’fìgliuoli di Teseo e di Falero. Perciocché gli Ateniesi affermano che questo Falero navigò insieme con Giasone a Coleo.[13]

 

 

 

[1] Dizionario Etimologico della Mitologia Greca (DEMGOL), 2013, dir. da Ezio Pellizer

[2] Vocabolario Greco, Rocci, Dante Alighieri, 1987

[3] Vocabolario Greco, Rocci, Dante Alighieri, 1987

[4] Igino Favole 14

[5] Orfeo, Argonautiche, trad. V. Cecchetti  I 23 ss

[6] Orfiche 118 e ss

[7] Biblioteca I 9 16

[8] Orfeo Argonautiche 145

[9] Igino, Favole “il raduno degli Argonauti” – 14, 9 – in Apollodorus’ Library and Hyginus’ Fabulae Two Handbooks of Greek Mythology: translated by R. Scott Smith and S. M. Trzaskoma, Hackett Publishing Company, 2007, Indianapolis/Cambridge

[10] Strabone, Geografia, Sonzogno, 1827, XIV 6

[11] Gaio Valerio Flacco, Argonautiche, a cura di L. Carelli, UTET, 1954, Libro I

[12] Apollonio Rodio Le Argonautiche, trad. di G. Pompella, Loffredo, IEM, 1968 I 95 e ss

[13] Pausania, Viaggio in Grecia, trad. di A. Nibby, 1817, I 1 4

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.