Siamo qui per scegliere
 
I A – Erisittonio unico figlio di Re Cecrope I

I A – Erisittonio unico figlio di Re Cecrope I

Hits: 17

ERISITTONIO – ERISITTONE

Il figlio di Cecrope

 

Cecrope e Atena accolgono Erittonio o Erisittonio da Madre Terra

Erysikhthon= Ἐρυσίχθων:

1.      ἐρύομαι + χθών, = colui che protegge, salva la sua terra[1] – secondo Chantraine

2.      Per Graves[2] è “colui che apre la terra” e cioè un nome dato a chi aveva osato commettere un sacrilegio contro Demetra, come accadde al figlio di Triopa quando arò un campo senza il consenso di Demetra. Perciò per Graves è il nome di chi è sacrificato per aver violato un bosco sacro – chiunque lo facesse in Grecia, a Roma e Irlanda veniva ucciso con la pena capitale.

3.      Ἐρυσίχθων = aratore della terra, bue[3]; ma l’unione delle parole Ἐρυσί (da ερυω: tirare/tenere fermo/custodire/salvare/liberare/vegliare su) + χθων (la terra) – quindi il Rocci conferma e amplia l’interpretazione di Chantraine

 

Cecrope sposò Agraulo, figlia di Atteo (primo re dell’Attica), da cui ebbe tre figlie e un figlio.

Cecrope intanto prese in moglie Agraulo, figlia di Atteo, e n’ebbe per figlio Erisittone, il quale mori senza aver lasciata prole maschile[4]”.

 

Le tre figlie erano dunque Aglauro, Erse e Pandroso (dette le Aglauridi) e il figlio si chiamava Erisittone o Erisittione.

Questi morì giovane e senza figli[5] quando il padre era ancora vivo e il regno perciò andò nelle mani di Cranao[6]:

A Cecrope nacquero tre figlie Erse, Aglauro, e Pandroso, ed un figliuolo Erisittone. Costui non potè regnare sugli Ateniesi; ma mori mentre vivea ancora suo padre, e Cranao prese il principato di Cecrope, come colui, che superava in potere ogni altro cittadino”.

Per Pierre Grimal, in base a Pausania (vedi sotto) Erisittione morì tornando da Delo, andato per riportare una vecchia statua di Lucina/Ilizia[7] – cioè della dea che in Grecia e a Roma era la dea che porta la luce e quindi protettrice della nascita e delle donne durante il parto:

Non lungi dal tempio di Serapide (ad Atene ndr) […] fu edificato il tempio di Lucina, la quale narrasi, che venuta dagli Iperborei in Delo fu di ajuto ne’dolori del parto a Latona […] Gli Ateniesi soli però velano i simulacri di questa Dea fina alle punte de’piedi. Delle statue, che sono nel tempio dissero le donne, che due erano cretesi, e doni di Fedra, e che la più antica era stata portata di Delo da Erisittone[8]”.

La Dea del parto Lucina o Ilizia

Lo cita pure Platone nel Crizia:

Così i nomi degli antichi si sono conservati, senza il ricordo delle loro opere. Dico questo basandomi sul fatto che tra le moltissime imprese che appunto si ricordano associate ai nomi di ciascuno, di Cecrope, Eretteo, Erittonio, Erisittone e degli altri eroi anteriori a Teseo, tra queste imprese Solone dice che i sacerdoti, menzionando per lo più i nomi di quei personaggi, raccontarono la guerra che si combatté a quel tempo, e allo stesso modo per i nomi delle donne[9]”

 

ERISITTONE: figlio di Triopa:

È anche il nome di un eroe tessalo, figlio del re Triopas/Triopa/Triope, che tagliò un bosco sacro a Demetra e fu condannato a una fame insaziabile.

 

 

[1] Dizionario Etimologico della Mitologia Greca (DEMGOL) dir. da Ezio Pellizer
[2] Robert Graves, I miti greci, ed. Longanesi, 2015, 24,4
[3] Vocabolario Greco, Rocci, Dante Alighieri, 1987
[4] Apollodoro, Biblioteca III 14 1 – 2
[5] Apollodoro, Biblioteca III 14 1 – 2
[6] Pausania, Descrizione della Grecia I 2 5
[7] Enciclopedia dei Miti, Pierre Grimal (a cura di C. Cordié), Garzanti,1992
[8] Pausania, Descrizione della Grecia I 18 5
[9] Platone, Critia 110

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.