Siamo qui per scegliere
 
Sulla Mitologia: quando nasce la Mitologia?

Sulla Mitologia: quando nasce la Mitologia?

Hits: 11

La prima e vera nascita della Mitologia è legata ad uno dei più grandi traumi inscritti nella nostra storia e nella nostra genetica: il Diluvio Universale.

Di quella tragedia, di cui parlerò in un altro contesto, per ora ci interessa sapere che distrusse civiltà avanzatissime che abbiamo tutti in memoria collettiva e ancora conosciamo come Atlantide, Mu e Lemuria.

È importante per ora pensare che da un momento all’altro, i sopravvissuti di quella catastrofe si trovarono a non avere più nulla, a dover cominciare da zero dopo avere vissuto per secoli in società molto avanzate e interdipendenti.

In questi casi accadde ciò che accadrebbe oggi: trovarsi dall’oggi al domani a dover sopravvivere senza l’ausilio di conoscenze molto semplici o molto avanzate significa regredire allo stato di selvaggia disperazione più totale.

Chi sta in mezzo è perduto.

Infatti chi sopravvisse in questo caso furono:

1.      Persone con conoscenze e stili di vita semplici che si trovarono al posto giusto e al momento giusto come ad esempio i pastori o i raccoglitori che si trovavano sui monti o al riparo al momento della catastrofe, e perciò furono capaci di continuare il loro stile di vita semplice. Questi fondarono poi le avanzate civiltà nomadiche e pastorali come i nativi americani, gli eschimesi, i mongoli, i popoli siberiani.

2.      Persone con conoscenze e tecniche avanzatissime che avevano previsto l’evento o che per un caso fortuito si trovarono al posto giusto e al momento giusto con tutti o parte degli strumenti tecnologici e conoscitivi necessari per sopravvivere. Questi furono conosciuti poi anche come “antichi”, “dei” o “angeli” o “sapienti”.

3.      Persone che non avevano né conoscenze specifiche, né strumenti tecnici ma erano semplici “cittadini” che sopravvissero da soli o in gruppo per puro caso, e cioè la maggioranza, e che regredirono ad uno stadio selvaggio destreggiandosi tra fame ed espedienti.

Di questi tre casi furono esclusivamente i primi due gruppi che cominciarono a tramandare ai loro figli e nipoti i racconti precisi e dettagliati sulla civiltà precedente di cui erano stati partecipi.

È da qui che nascono i racconti sulla famosa Età dell’Oro e dunque la Prima Mitologia, la conservazione di saperi antichissimi e l’uso di conoscenze e tecniche che poi apparvero incredibili. Mantennero infatti la conoscenza antica, edificarono strutture inarrivabili e usarono tecniche di trasmissione orale e scritta codificate.

Invece il terzo gruppo, e cioè la maggioranza, che sparsi per la terra e ritornati allo stadio di sopravvivenza estrema, spaventati ed impauriti, regredirono ben presto allo stato selvaggio, dimenticando tutto in pochi anni e trasmettendo ben poco alle generazioni future.

Furono proprio questi, disperati e regrediti, che con i pochi brandelli di conoscenza trasmessi, cominciarono pratiche e rituali completamente slegati dalla realtà (molto simili al famoso esempio del Cargo Cult – dove le tribù di indigeni veneravano come divinità gli aerei degli americani che facevano scalo nell’oceano pacifico durante la seconda guerra mondiale) e addirittura pericolose come il cannibalismo, il sacrificio o la venerazione di idoli insensati.

È dunque per questi motivi che guardando all’antichità da un lato abbiamo saperi e tecniche avanzatissime che strabiliano addirittura la nostra civiltà super tecnologica, e dall’altra ci sono moltissimi esempi di popoli – da noi definiti selvaggi – che hanno praticato usi e costumi da noi definiti selvaggi e violenti e che erano incapaci di produrre una “mitologia sensata” ma apparentemente fantastica e illogica: perché essi stessi non erano più padroni delle vicende passate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.