Siamo qui per scegliere
 
Primo Stadio: Apprendimento dell’uso del corpo

Primo Stadio: Apprendimento dell’uso del corpo

Hits: 5

Ogni anima quando si incarna nel mondo materiale ha bisogno di un periodo più o meno lungo per abituarsi al corpo e alla vibrazione di quel Pianeta.

Quanto più è bassa la vibrazione di un Pianeta tanto più è dolorosa l’incarnazione e viceversa, più le vibrazioni hanno frequenze vicine alla Luce, più sarà piacevole.

Una incarnazione è dolorosa nel momento in cui un’anima, dopo aver sperimentato la dimensione spirituale in cui è fusa con la Luce e col Suo Amore, entra in una dimensione limitante come quella di un Pianeta materiale. In questo caso l’anima, che non ha limitazioni, deve trovare casa in un corpo, abitarlo ed interagire di nuovo con la Luce attraverso i sensi e le loro limitazioni – ogni struttura fisica di ogni Messaggero planetario ha le sue caratteristiche fisiche.

Tendenzialmente i corpi dei Mediatori evoluti permettono alle anime di interagire senza limiti con la Luce Divina ma per farlo devono essere addestrate dai propri simili. Nell’addestramento e/o educazione prima c’è la conoscenza della interazione del proprio corpo con la sfera materiale e solo successivamente con la sfera spirituale.

Per Legge Universale quando un’anima si cristallizza e accede allo stadio di Mediatore, terminerà la propria esperienza sperimentando tutta la gamma di vibrazioni e caratteristiche del Pianeta di nascita. Solo quando terminerà la sua esperienza in tale pianeta – concludendo il proprio ciclo o l’intero ciclo di Anime – potrà passare ad altri Pianeti e vibrazioni.

Quanto più un’anima si sviluppa e si migliora, tanto più si eleva la sua vibrazione. Qualsiasi anima può prendere vita in un corpo materiale in qualsiasi pianeta dell’Universo per i motivi più disparati, purchè concessi dal Piano Divino e purchè essa sia capace di produrre le vibrazioni di quel Pianeta.

Un’anima a bassa vibrazione non può infatti incarnarsi in pianeti ad alta frequenza altrimenti verrebbe spazzata via disperdendosi come un gas nell’atmosfera.

Alcune anime si sviluppano al punto da poter fare a meno di un contenitore materiale come il corpo e anzi, non solo potranno scegliere dove incarnarsi ma potranno vivere anche come Enti di Luce, cioè esseri angelici che prendono forma e luogo che desiderano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.