Siamo qui per scegliere
 
1) Evoluzione biologica e spirituale: dal minerale alla ragione

1) Evoluzione biologica e spirituale: dal minerale alla ragione

Hits: 11

L’evoluzione biologica si sviluppa in ogni pianeta allo stesso modo, purchè il pianeta stesso ospiti le condizioni base per la vita composte dai quattro elementi: aria, terra, acqua e fuoco.

Si passa attraverso l’evoluzione lenta e graduale degli esseri più adatti al clima e alle risorse del pianeta: dai semplici composti chimici alle cellule, dai microorganismi semplici a quelli sempre più complessi dando vita a batteri, funghi, piante e animali.

Ognuno di questi esseri viventi ha la sua specifica energia (tutto quello che ha materia ha energia, anche i minerali).

Più questi esseri si sviluppano più attraggono e inglobano altre energie ed altri esseri come i miliardi di batteri e cellule che ospitano (nell’epidermide e nell’intestino) oltre a quelli che ingeriscono per vivere.

Questo sviluppo avviene sia sul piano materiale sia a livello spirituale.

Già, perché l’energia di un essere sviluppato, per coordinare il suo corpo esteso e per pensare deve essere interdipendente e integrata in tutte le sue parti.

I vegetali e i microorganismi complessi sono i primi esseri che danno unità e coesione alle energie assorbite dalla Luce, dalle cellule, dagli elementi e dai minerali.

Queste energie una volta unite sotto un unico organismo o vegetale possono essere assorbite come “pacchetti energetici” da esseri più evoluti come gli insetti e gli animali.

Questa energia che coordina gli esseri è l’anima.

Quando un’energia si conglomera ad un livello più avanzato come quello animale, ecco che allora si comincia a parlare di anime vere e proprie per come le intendiamo noi, con un proprio modo di fare, carattere e attitudini.

Questo vale per i grandi alberi come per tutti gli animali più sofisticati.

Certo, tutti gli altri esseri, anche le cellule, le spore, i minerali i batteri e i piccoli insetti sono animati, hanno una loro energia ma è nel loro insieme che esprimono e assorbono le energie circostanti. Esse creano un’anima nel loro insieme: ad esempio tutti i funghi di un bosco, così come un formicaio, un alveare od un bosco hanno una loro anima ed unità come insieme e moltitudine coordinata, creando anime avanzate.

Più un essere vivente assorbe Luce e altre energie dal mondo minerale e vegetale, più la sua anima fa esperienze, si agglomera e si sviluppa. È per questo che ad ogni stadio evolutivo c’è una crescita spirituale oltreché fisica.

Quando un’unità energetica complessa è pronta, si evolve e cerca corpi sempre più sofisticati che la accolga.

Ad esempio quando sta per nascere un animale sofisticato, il corpo nascituro richiama l’energia vitale di esseri meno sviluppati ma che hanno acquisito molte altre esperienze.

Facciamo un esempio di evoluzione fisico-spirituale:

L’energia di svariati microorganismi a sé stanti come cellule, spore o funghi viene accolta da una nuova pianta o insetto che nasce. Il passaggio energetico può avvenire ad esempio con un insetto che mangia un vegetale o che mangia altri organismi o una pianta che cresce grazie alle risorse di un corpo decomposto.
Una pianta (o insetto) unisce più energie (Luce, minerali, cellule) sotto un unico sistema “cooperativo” e interdipendente che assorbe altra luce, minerali ed organismi. Questa pianta/insetto può essere poi inglobata nel suo insieme da un piccolo erbivoro poco evoluto[1] come potrebbe essere un topo/coniglio.
Il piccolo animale mangia la pianta/insetto e ne assorbe Luce, minerali e il suo intero pacchetto energetico. In questo modo si accresce nel breve l’esperienza e l’energia dell’animale. Nel lungo, quando questo piccolo animale morirà per vecchiaia o ingerito, la sua energia interna sarà accresciuta da tutte le energie ed esperienze della sua esistenza che vanno a convergere in quelle dell’essere che lo ha inglobato più sofisticato come i grandi predatori e soprattutto i grandi erbivori[2].
Così i grandi erbivori e predatori continueranno a svilupparsi ed accrescersi nell’istinto e nelle esperienze – anche creando specie sempre più avanzate – finchè non produrranno i primi ragionamenti. A quel punto la loro anima è pronta: unita e coesa, con le sue attitudini e personalità, al che nessuno può più inglobarla ma rimarrà sempre distinta, quindi immortale.
I grandi erbivori o predatori saranno sempre più istintivamente avanzati che stimoleranno i loro circuiti neuronali verso forme di interazione e ragionamento sempre maggiori tanto da sviluppare evolutivamente e geneticamente la loro struttura corporea e neuronale in modo che faciliti e accolga i ragionamenti. In questo modo creeranno le fondamenta perché in un pianeta si sviluppi un essere capace di ragionamento.  Ogni pianeta che possiede la vita prima o poi sviluppa un essere capace di ragionamento che diventa il tramite tra il mondo della materia e il mondo spirituale, tra il mondo visibile e invisibile, tra il Pianeta e il Cosmo. Nel nostro pianeta questo ruolo è rappresentato dagli esseri umani.
La nascita di un essere capace di ragionare è l’ultimo stadio di sviluppo materiale ed è il più grande passo per l’evoluzione spirituale di un pianeta. Esso infatti permetterà al pianeta di esprimersi e di comunicare consapevolmente con altri pianeti e soprattutto col mondo divino e spirituale. La nascita di un Messaggero è vista come il miracolo dei miracoli per ogni pianeta che ospita la vita. Ogni pianeta che possiede la vita prima o poi sviluppa un essere capace di ragionamento che diventa il tramite tra il mondo della materia e il mondo spirituale, tra il mondo visibile e invisibile, tra il Pianeta e il Cosmo. Nel nostro pianeta questo ruolo è rappresentato dagli esseri umani.
Le anime quindi cominciano a svilupparsi singolarmente già negli esseri più sofisticati dello stadio animale e vegetale.

Per arrivare a formare un’anima autonoma servono perciò biliardi di fotoni di luce, di sali e minerali che hanno nutrito miliardi di batteri e di cellule che hanno dato vita a milioni di piante semplici che hanno nutrito centinaia di migliaia di insetti che sono tutti stati assimilati da centinaia di piccoli animali che infine si sono conglomerate in grandi animali.

Dentro un animale sofisticato o un Messaggero possono essere raggruppate e fuse insieme nel corso delle varie vite e dei vari passaggi molte decine di altre anime di animali o grandi vegetali.

Per questo in tutto l’Universo la vita di ogni essere vivente è sacra, perché ognuno di noi è un totem di tante vite e dunque è parte del Tutto.

Il ruolo del Messaggero è perciò di raccordo non di dominio, perché se così fosse allora esseri più evoluti di noi dovrebbero dominarci e invece ci amano.

[1] Poco evoluto significa avere meno circuiti neuronali degli animali più sofisticati
[2] Nella maggioranza dei pianeti che ospitano la vita gli esseri che si sviluppano sono quasi sempre erbivori, i predatori sono rari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.